ricette e racconti di viaggio di una famiglia italo giapponese

minestra di orzo e cavolo nero

minestra di orzo e cavolo nero

L’inverno è ormai alle porte, e con la stagione fredda arrivano al mercato tante verdure a foglia verde. Una di queste è il cavolo nero.

Il cavolo nero (o toscano) non è una verdura comunissima come le bietole o le erbette, è un po’ più difficile da trovare. Il suo gusto però è decisamente più… interessante. Infatti le sue foglie restano più croccanti in cottura e danno quel deciso sapore di broccolo o cavolo, per l’appunto, che da profumo a tutto il piatto, minestra o zuppa che sia.

Meglio scegliere dei cespi non troppo grandi, perché il tronco centrale tende ad essere molto fibroso e va nel caso scartato.

Ho provato più combinazioni con il cavolo nero: dal riso integrale ai fagioli cannellini, ed anche con soia e salsa di pomodoro. Oggi usiamo l’orzo e qualche filetto di alici sott’olio. Riscaldante e dal gusto rustico e deciso. Il successo è garantito! 🙂

 

ingredienti (per 4 persone)

  • 400 g di foglie di cavolo nero
  • 350 g di orzo perlato
  • mezzo peperone rosso
  • 40 g di alici sott’olio sgocciolate (un vasetto)
  • 3 cucchiai di paprika dolce in polvere
  • 1 spicchio d’aglio
  • olio extra vergine d’oliva
  • sale qb

 

preparazione

  1. tagliare le foglie di cavolo nero abbastanza sottili e sciacquare in acqua corrente
  2. in una pentola larga mettere il cavolo nero, il peperone a pezzetti, l’aglio tritato e abbondante olio e far cuocere in un po’ d’acqua per circa 15 min, mescolando di tanto in tanto
  3. aggiungere la paprika in polvere e le alici sgocciolate e mescolare per un paio di minuti fino a scioglimento delle alici
  4. aggiungere l’orzo, coprire con acqua e far cuocere con coperchio per circa 20 min mescolando di tanto in tanto, e comunque fino a quando l’acqua non si sarà ritirata; alla fine regolare di sale, aggiungere un filo d’olio e servire caldo. Buon appetito!

 





Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.