ricette e racconti di viaggio di una famiglia italo giapponese

minestra di cardo gobbo e fagioli borlotti

minestra di cardo gobbo e fagioli borlotti

Il cardo è una pianta in genere poco conosciuta, dal fusto simile ad un cespo di sedano molto grosso, che può superare il metro di altezza. Ha foglie e fiori vistosi, ma la parte commestibile è solamente il fusto. Ha un inconfondibile sapore amarognolo e leggermente ferroso, che ricorda il carciofo.

Grosso modo è possibile trovarlo da fine ottobre a gennaio/febbraio, sicuramente al mercato o da fruttivendoli ben forniti, ma anche in alcuni supermercati.

In questa ricetta abbiamo usato un tipo di cardo detto “gobbo”. Il nome deriva dal fatto che a inizio autunno le piante vengono legate e ricoperte di terra. Non essendo più esposto alla luce, il cardo gradualmente si schiarisce (da verde diventa bianco perla), perde il suo sapore amarognolo e si incurva naturalmente verso l’alto alla ricerca della luce (da qui il termine “gobbo”).

 

un cespo di cardo gobbo

 

Il cardo gobbo è una vera delizia, è tipico dell’Astigiano ma diffuso in buona parte del Piemonte. Di dimensioni ridotte rispetto a quello classico, grazie al particolare metodo di coltivazione è l’unico che può essere mangiato crudo (ad esempio con la Bagna Cauda).

Questa ricetta è quella della nonna di mio marito, che con maestria era solita preparare delle squisite minestre di cardi e fagioli. La pulizia del cardo richiede un po’ di attenzione, ma se avrete abbastanza pazienza, sarete abbondantemente ricompensati dal profumo meraviglioso di questa semplice ma gustosissima ricetta contadina.

 

ingredienti (per 4 persone)

  • 1,5 kg di cardo gobbo
  • 500 gr di fagioli borlotti già cotti
  • ½ peperone rosso
  • 200 gr di passata di pomodoro
  • ½ cipolla dorata
  • 2 spicchi d’aglio
  • ½ limone
  • olio extra vergine d’oliva
  • sale

 

preparazione

Prima di seguire gli step delle foto:

  • tritare aglio e cipolla, e tagliare il peperone a pezzetti

1) eliminare spine ed eventuali foglioline, rimuovendo i bordi di ciascuna costa di cardo con un coltello

2) rimuovere eventuali filamenti dalle coste più fibrose

3) tagliare le coste a pezzetti da circa 1 cm, mettendoli man mano a bagno in una bacinella con acqua e limone

4) bollire i cardi in abbondante acqua salata con qualche fetta di limone per circa 20 minuti

5) in una pentola far rosolare aglio, cipolla e peperone nell’olio per qualche minuto

6) unire i cardi scolati, la passata di pomodoro ed i fagioli scolati del liquido di conserva, aggiustare di sale e cuocere con coperchio per circa 30 minuti, mescolando di tanto in tanto ed aggiungendo un po’ d’acqua se necessario.






Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.