zuppa di radice amara e carota

zuppa di radice amara e carota

In inverno qui a Milano se ne sente parlare. Ma che cos’è la radice amara?

La radice amara assomiglia grosso modo ad una grossa carota bianca, di diametro simile ma lunga fino a 30-40 cm. Si raccoglie da autunno inoltrato fino a tutto l’inverno. Il suo sapore è, come suggerisce il nome, particolarmente amaro, anche se una volta cotta diventa molto più gradevole e gustosa.

La radice amara è inoltre un cibo molto salutare: ha un buon contenuto di vitamine e minerali, è depurativa e disintossicante.

L’area storica di coltivazione è attorno al comune di Soncino (CR). In passato molto più diffusa, oggi è un prodotto di nicchia e in parte tutelato. Il grosso della produzione attuale arriva da Mairano (BS). Quindi si tratta di un’ortaggio tipicamente lombardo, e infatti al di fuori dei confini regionali è davvero molto raro.

Nella ricetta di oggi cuciniamo le radici amare in zuppa, assieme alle carote ed un po’ di cipolla. Un comfort food perfetto alla sera, caldo e appagante per lo stomaco e per il palato. E se avanza, il giorno dopo sarà la base perfetta per un minestrone.

 

radice amara
radice amara

 

 

ingredienti (per 3-4 persone)

  • 500 gr di radice amara
  • 2 carote
  • ½ cipolla
  • 1 spicchio d’aglio
  • prezzemolo
  • ½ limone
  •  olio extra vergine d’oliva
  • sale

 

preparazione

(1) pelare le radici, tagliarle a rondelle e immergerle in acqua fredda con del limone

(2) portare a ebollizione abbondante acqua salata e cuocere le radici per alcuni minuti con il limone

(3) gettare l’acqua di bollitura delle radici, unire le carote a rondelle, la cipolla, l’aglio tritato fine ed il prezzemolo; coprire le verdure con acqua nuova e cuocere per 30-40 minuti a fuoco morbido, aggiungendo l’olio e aggiustando di sale verso fine cottura

 

 

 






Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.