ricette e racconti di viaggio di una famiglia italo giapponese

quiche di verza con porri e speck

quiche di verza con porri e speck

Arriva l’inverno ed è tempo di verze.

Quando trovo una verza con delle belle foglie verdi e fresche, faccio spesso questa “quiche verde”. Uso le foglie di verza in sostituzione della sfoglia, quindi fuori gusto light ma nel ripieno mettiamo tanta scamorza, speck e uova … insomma lo facciamo bello ricco!

Ogni volta che preparo questa quiche, nel momento in cui metto il ripieno sulle foglie verdi, penso sempre: “Ah che bel colore vivo! E’ quasi un peccato a infornarla… se potessi servirla a tavola proprio con questo colore!”. Non a caso la foto che ho scelto per questa ricetta è quella della preparazione, non della quiche già cotta. Mi piaceva troppo il colore verdissimo di quelle foglie!

Anche se la quiche cotta è ovviamente più buona di quella cruda 🙂

E questa è la foto finale, una volta sfornata e messa al piatto!

quiche di verza

 

 

ingredienti (per una teglia di diametro 30cm)

  • 8 foglie di verza (quelle più esterne)
  • 2 porri
  • 70g di speck a cubetti
  • 1 patata
  • 100g scamorza affumicata
  • 30g parmigiano reggiano grattugiato
  • 4 uova
  • 150ml di latte
  • olio evo, sale e pepe qb

 

preparazione

  1. tagliare i porri a rondelle e la patata a fettine sottili e rosolarli con olio in padella per qualche minuto;
  2. aggiungere lo speck, aggiustare di pepe e rosolare ancora per qualche minuto;
  3. lavare le foglie di verza, eliminando la parte più dura del torsolo centrale e sbollentare velocemente in acqua salata; adagiarle nella teglia come se fossero petali di un fiore;
  4. mettere al centro il ripieno di patate, porri e speck; sbattere le uova con latte e formaggio grattugiato e versare sul ripieno; aggiungere dadini di scamorza;
  5. chiudere la quiche ripiegando le foglie di verza e cuocere in forno a 180° per circa 35-40min. E buon appetito!

 

1
2
3
4
5

 

 

 



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.