kara-age di salmone al curry

kara-age di salmone al curry

La parola giapponese kara-age (pronuncia “cara-aghe”) identifica grosso modo dei bocconcini di carne o pesce, solitamente marinati e fritti in olio. Esistono numerose versioni di kara-age: la più famosa è sicuramente il kara-age di pollo, conosciuta abbondantemente anche fuori dal Giappone. 

La ricetta di oggi è un kara-age di salmone, un altro grande classico, ma un po’ fusion se volete, perché usiamo il curry per la marinatura. La combinazione è particolarmente felice: il profumo delle spezie, specie se lascerete riposare un po’ di tempo i bocconcini prima di friggerli, renderà il vostro salmone davvero sfizioso.

La preparazione è davvero semplice e veloce. Procuratevi dei buoni filetti freschi di salmone, del curry in polvere (o il mix di spezie che più preferite), e della fecola di patate: quest’ultima, ingrediente tipico del kara-age alla giapponese, renderà i vostri bocconcini dorati e croccanti in superficie, mantenendo tutto il gusto del salmone all’interno.

Un paio di consigli: se non avete tempo per la marinatura vera e propria, non è un grosso problema; potete passare direttamente alla frittura perché il curry è piuttosto saporito. Inoltre non serve eliminare la pelle del salmone: una volta fritta verrà via facilmente.

 

 

 

ingredienti

  • 2 filetti di salmone
  • 2 cucchiai di curry in polvere
  • fecola di patate
  • sale
  • pepe
  • olio per friggere

 

preparazione

(1) tagliate i filetti di salmone in cubettoni da 4-5 centimetri; asciugate eventuale umidità con carta assorbente, salate e pepate

(2) spolverate il salmone con curry in polvere (o il vostro mix di spezie preferite) in maniera omogenea

(3) passate il salmone nella fecola di patate, rimuovendone quella in eccesso

(4) friggete in olio a 170°C il tempo necessario affinché i vostri bocconcini non saranno di un bel colore dorato