ricette e racconti di viaggio di una famiglia italo giapponese

bacalà alla vicentina

bacalà alla vicentina

Questo piatto richiede una lunga preparazione e cottura, ma la soddisfazione una volta portato a tavola è tanta!

L’ingrediente principale di questo piatto è sua maestà lo stoccafisso. Questo grosso merluzzo nordico viene pescato, pulito e appeso ad essiccare all’aria aperta da febbraio a maggio. La patria dello stoccafisso sono le isole Lofoten (Norvegia settentrionale), il cui clima freddo ma secco è ideale per la conservazione delle carni.

In italia esistono varie ricette regionali con lo stoccafisso. Noi oggi ci occupiamo dello stoccafisso alla Vicentina, o meglio, del “Bacalà alla Vicentina”. Già, perché pur trattandosi di stoccafisso, la ricetta è passata alla storia con questo nome (sembrerebbe che nel dialetto vicentino “suonasse” meglio la parola bacalà, senza consonanti doppie).

Qualche consiglio pratico: lo stoccafisso va messo in ammollo per 3/4 giorni e l’acqua cambiata più volte al giorno. E’ probabile che lo compriate intero, se è così assicuratevi di avere un recipiente sufficientemente grande per l’ammollo. La cottura è molto lenta: l’importante è non mescolare mai gli ingredienti, ma solo girare la pentola sul fuoco di tanto in tanto (a Vicenza questo movimento si chiama “pipare”).

 

 

Ingredienti per 6 persone:

  • 600 gr di stoccafisso secco (circa 850 gr ammollato e già pulito)
  • 3 cipolle bianche
  • 3 acciughe sotto sale
  • un ciuffo di prezzemolo
  • 250 ml di olio extra vergine d’oliva
  • 250 ml di latte intero
  • 30 gr di grana padano grattugiato
  • 50 gr circa di farina
  • pepe nero
  • sale

 

preparazione:

  1. mettere in ammollo lo stoccafisso in un recipiente largo per 4 giorni, cambiando l’acqua ogni 3/4 ore
  2. eliminare l’eventuale vescica natatoria (la parte più “puzzolente” del pesce per via della maggiore concentrazione batterica), eliminare la pelle, sfilettare il pesce, e tagliarlo a piccoli pezzi di qualche centimetro, avendo cura di eliminare tutte le lische visibili
  3. separatamente tritare le cipolle, sciacquare e sfilettare le acciughe, tritare il prezzemolo, infarinare i pezzi di pesce
  4. in una pentola rosolare per qualche minuto le cipolle in metà dell’olio, aggiungere le acciughe e girare un altro paio di minuti finché non saranno sciolte; infine a fuoco spento aggiungere il prezzemolo
  5. in una larga pentola di terracotta (o antiaderente) versare metà del soffritto e disporre i pezzi di pesce; versare il latte, l’olio ed il soffritto residui, il formaggio grattugiato e aggiustare di pepe e sale
  6. cuocere con coperchio e a fuoco molto basso per almeno 3 ore; non mescolare ma girare la pentola di tanto in tanto

 

 





Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.