ricette e racconti di viaggio di una famiglia italo giapponese

fricassea di carciofi con uova e formaggio

fricassea di carciofi con uova e formaggio

I carciofi sono un’utilissimo ingrediente in cucina e si prestano praticamente ad ogni tipo di preparazione: ripieni (vedi ricetta), fritti, crudi in pinzimonio.

La stagione va grosso modo dall’autunno alla primavera. Facile da reperire praticamente in tutti i supermercati, fruttivendoli e mercati, se ne trovano davvero tante varietà (sardi con le spine, romaneschi e violetti) e di ottima qualità.

La ricetta di oggi è abbastanza semplice, come dire pochi ingredienti ma buoni: carciofi tagliati a spicchi, uova e formaggio grattugiato. Il sapore è delizioso ed il successo a tavola assicurato. Questa è una ricetta che ho imparato da mia suocera.

Un paio di consigli: i carciofi devono essere ben cotti, quasi stufati, e solo allora vanno aggiunte ed amalgamate le uova ed il formaggio grattugiato. Se preferite un gusto più deciso, provate a sostituire il parmigiano con il pecorino romano.

 

ingredienti  (per 4 persone)

  • 7 carciofi con gambo
  • 3 uova
  • 70g di Parmigiano Reggiano grattugiato
  • 1 spicchio d’aglio
  • un ciuffo di prezzemolo
  • qualche spicchio di limone
  • olio extra vergine d’oliva
  • sale qb

 

preparazione

  1. pulire i carciofi eliminando le foglie più esterne e le punte e tagliarli a spicchi; tagliare a pezzi la parte tenera dei gambi e versare il tutto in un recipiente con dell’acqua e limone. Tritare aglio e prezzemolo;
  2. in una padella versare una buona dose d’olio, aggiungere aglio e prezzemolo e poi i carciofi. Salare e cuocere per 30 min circa, mescolando ogni tanto e aggiungendo un po’ d’acqua se necessario;
  3. in una ciotola sbattere le uova con il formaggio grattugiato e versare il tutto sui carciofi;
  4. cuocere per altri 3-5 min mescolando finché le uova saranno cotte; servire con una manciata di prezzemolo fresco e buon appetito!






Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.