pesce san pietro al forno

pesce san pietro al forno

Più che una ricetta vera e propria, questa è un’idea su come cucinare un bel pesciolone San Pietro.

Questo pesce, che vive in buona parte dei mari temperati, dall’Europa al Giappone, può arrivare a pesare da adulto fino ad alcuni kg. Le sue carni sono considerate pregiate, in quanto hanno un ottimo apporto nutritivo e ovviamente, come la stragrande maggioranza dei pesci, sono poco grasse. Inoltre la presenza di lische è molto limitata: quindi è facile da mangiare.

Il suo sapore è pieno e deciso, ma mai invadente, con delle carni sode e succulente. Per questo motivo conviene cucinarlo in maniera semplice: al forno con giusto qualche spezia, o in umido. Una frittura, ad esempio, ne coprirebbe inutilmente il suo gusto naturale.

 

pesce san pietro
Un pesce San Pietro, dalla caratteristica macchia circolare scura

 

E adesso un paio di curiosità: secondo la tradizione italiana, questo pesce deve il suo particolare nome proprio all’omonimo santo che, pare, lo abbia pescato con le sue mani, imprimendogli le dita sul ventre. Da qui deriverebbe la macchia scura circolare presente su tutti gli esemplari della specie.

In Giappone invece questo pesce viene chiamato matoudai, che letteralmente significa “orata dalla faccia di cavallo”. In effetti il San Pietro ha una testa piuttosto grande, e con un po’ di fantasia, agli antichi pescatori doveva ricordare il muso di un cavallo. 🙂

 




ingredienti (per 2-3 persone)

  • un pesce San Pietro intero di circa 1,2-1,5 kg già eviscerato
  • 1 limone
  • qualche ramoscello di timo (o maggiorana)
  • 1 spicchio d’aglio
  • olio extra vergine d’oliva
  • sale

 

preparazione

  1. partite da un pesce San Pietro fresco e intero, ma già eviscerato. Sciacquatelo sotto acqua corrente, avendo cura di eliminare eventuali tracce di sangue o impurità;
  2. asciugatelo accuratamente fuori e dentro con della carta da cucina;
  3. disponetelo su una teglia da forno: salate leggermente l’interno e profumate con un po’ di timo. Fate qualche incisione sul dorso del pesce, da entrambi i lati, in modo da garantire una buona cottura uniforme. Salate in maniera più decisa il pesce in superficie, condite con qualche fetta di limone, timo, aglio e olio extra vergine d’oliva;
  4. cuocete in forno preriscaldato a 220°C, circa 20-25 minuti (per un pesce di 1,2-1,5 kg).

 

pesce san pietro
Et voila, buon appetito! 🙂